News
In:

Sequenza contrattuale: sanzioni disciplinari ai docenti

Ieri l'incontro all'ARAN con i sindacati

Si è svolta ieri presso l’ARAN una prima riunione inerente la responsabilità disciplinare dei docenti, tenuto conto che l’art. 48 del CCNL 2019-21 in vigore, prevede che l’intera materia sia rinviata ad una specifica sessione negoziale.


L’Amministrazione ha ritenuto che il testo-base da cui far partire la discussione fosse quello che era stato proposto nel 2022 nel momento in cui si stava discutendo il contenuto del CCNL 2019-21, testo che era stato decisamente respinto dall’intero fronte sindacale e, per questo motivo, stralciato dal contenuto del CCNL poi sottoscritto.


Tutte le Organizzazioni Sindacali presenti all’incontro hanno ritenuto inaccettabile tale proposta, in particolare la nostra delegazione ha sottolineato come quel testo deve essere considerato irricevibile in quanto contiene ipotesi di sanzioni verso i docenti per comportamenti che nel CCNL in vigore non figurano tra i doveri di un docente. In ogni caso si è fatto notare che il testo proposto dall’Amministrazione lede i principi di tipicità e tassatività imposti, in via generale, dall’ordinamento giuridico italiano in tema di sanzioni ai lavoratori. Tutte le OO.SS. presenti hanno, inoltre, sollecitato l’Amministrazione ad introdurre una nuova procedura nella quale l’Organo Giudicante sia terzo rispetto al datore di lavoro che avvia l’azione disciplinare.


Per queste ragioni le OO.SS hanno chiesto all’ARAN di ritirare il testo proposto nel 2022 e di proporne uno nuovo da cui far partire la trattativa.


L’ARAN si è riservata di verificare tale ipotesi.


La delegazione FGU


News correlate

pubblicato il 17/05/2024
Mobilità 2024-25: i movimenti
Cerca
Gilda degli Insegnanti